Vai al contenuto

ANDREA ZANZOTTO: (PERCHE’) (CRESCA)

28 agosto 2012

Un giorno ormai lontano, aprendo a caso il Meridiano Mondadori delle Poesie e Prose scelte di Andrea Zanzotto (1999, a cura di Stefano Dal Bianco e Gian Mario Villalta), lessi questa poesia in silenzio (p.587, da Il Galateo in Bosco). E immediatamente scesi giù, dove avevo un dat per registrare, e misi un disco a caso: registrai la mia lettura ad alta voce, divertendomi molto con il ‘rameggiare’ di una così esplicita tensione-pulsione erotica, con il ritmo di una reale improvvisazione, e relativo climax…  Philip Glass sembra evocato dalla lettura stessa… il cui divertissement, forse ‘barocco’, mi chiedo se rende giustizia al testo indubbiamente ‘performativo’ di Zanzotto.

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: